Non fanno più le cose come una volta! Alzi la mano chi non l’ha mai pensato…

Ebbene, il lavoro che vi spiego oggi è stato causato proprio da un cedimento improvviso di un capo praticamente nuovo! Si tratta di una scucitura (e fin lì….) con sfilacciatura incorporata (acc…) di un pizzo che guarniva una sottoveste o camicia da notte, a seconda dell’uso.

Ovviamente non se ne parla di buttarla…per così poco? Vi spiego come l’ho riparata. Intanto, eccola…con il nuovo pizzo!

Ecco la sottoveste con il pizzo che si è staccato:

Per prima cosa ho tagliato via tutto il pizzo…

…poi ho scelto il nuovo pizzo

Tagliando il vecchio pizzo…ho tagliato anche una spallina, complicandomi ulteriormente la vita!

Ho imbastito l’orlo da cui ho tagliato il vecchio pizzo sul diritto, in modo tale da lasciare pulito e ben rifinito anche il rovescio.

Ho quindi imbastito il nuovo pizzo facendo attenzione all’incrocio davanti. L’ho cucito con la macchia da cucire in modo tale da fermarlo bene e poi ho rifinito a mano i punti critici, come l’incrocio e lo scollo.

 

Per le spalline, ho utilizzato il nastro che formava il fiocco nel centro davanti, ripiegandolo a metà. In questo modo non ho aggiunto ulteriori elementi.

Ciaoooo,
Sara